Chi sono*

Foto di Neve*

Benvenuti nel blog di Neve*Sottile,  benvenuti nel mio Japan dis-oriented blog.
Un blog in cui si scrive di Giappone, di viaggi, di Roma, un blog disorientato che, come a Porta Portese, se ti metti a ravanare trovi appunti e pensieri, idee impigliate come palloncini in alto sui rami, considerazioni su tutto quello che mi piace e qualche volta pare, senza ordine o metodo.

Un blog che tra riff raff scrivo con incostanza da diversi anni ormai.

I commenti nel blog, sul blog e gli scambi link mi adulano. Il resto se non mi garba lo cancello, non sono una democratica.

Ho scelto il nome di Neve Sottile perchè Sasame Yuki (neve sottile in lingua giapponese) è il titolo di un libro di un autore giapponese del ventesimo secolo che amo molto, Junichiro Tanizaki.   Il mio libro preferito di Tanizaki è Libro d' Ombra, ma converrrete con me, che il titolo sebbene adatto a me, lo fosse meno per il blog.

Mi piacerebbe raccontarvi della mia passione per le lingue straniere che ho studiato e che parlo ma farei la figura della fanatica. Il giapponese, l'inglese, il francese, e lo spagnolo, o per l'attrazione che ho per le lingue romanze in particolare. 
Per le lingue tonali non ho una grande simpatia, e diffido oltremodo del cinese.  Un po' l'atteggiamento del fan dei Duran Duran verso gli Spandau, o di chi preferendo Jeeg Robot d'acciaio snobbava, e dico giustamente,  Mazinga. 

Mi piace viaggiare, ho una insana passione per il Giappone che ho visitato una ventina di volte, ma che non mi stanca mai e che è fonte di ispirazione continua.
Mi piace leggere e scrivere, mi piace coltivare e cucinare quello che mangio e per questo ho un piccolo orto,  ultimamente mi piace pure cucire, mi appassiona la grafica, il design e l'artigianato.
In effetti penso che uno dei miei problemi sia che mi piacciano troppe cose. Ma tant'è, e di questo in parte trovate nel blog.

I miei viaggi sono del genere comodo ma indipendente, e sono allo stesso modo attratta, direi in modo teorico, dal viaggio lento, che ho deciso prima o poi di provare. Ecco, prima o poi. 
In macchina quando guido tiro fuori il braccio, quando sono al lato passeggero direttamente la testa. 

Osservo molto e vorrei poter scattare ciò che mi colpisce con gli occhi, ma mi accontento di un lento smartphone e pubblico quindi su Instagram.  Fuori e dentro la rete sono un'appassionata di nuovi media, di politica, di società.

Lo stipendio me lo guadagno da diversi anni ormai in Alitalia,  ma ad essere sincera, non ci scommetterei molto per il futuro. Questa però per citare una famosa canzone, è una storia complicata, una storia sbagliata. E in evoluzione.
Sono una genuina e perfetta rappresentante della generazione X.

Se volete,  rispondo a  nevefina@gmail.com.   


Foto di Neve