Nagoya, Chisun Inn

foto di Neve*

Al ritorno dalla mia seconda esperienza WWOOF nell'estate del 2015 ( se siete interessati la trovate qui) ho avuto modo di  passare meno di ventiquattrore a Nagoya, che prima conoscevo come città  a metà strada tra Tokyo e Osaka.
Ci ho passato un pomeriggio e una notte. Il pomeriggio sono andata fino al tempio di Kannon e ho scoperto una città culturalmente più vicina a Osaka che a Tokyo, una città caciarona, un po' coatta, multietnica e non proprio elegante. 
E' la prima città giapponese che in metropolitana oltre ai soliti annunci in inglese, cinese, coreano, utilizza anche il portoghese, ritengo quindi che ci sia una folta comunità brasiliana o nippo-brasiliana in città  (a proposito di nippo brasiliani, ne ho parlato qui in occasione della recensione de "Le quattro casalinghe di Tokyo")
Ho dormito al Chisun Inn Nagoya, della catena Solare Hotels,  solito business hotel, ma che ha almeno  il pregio di avere un'architettura riconoscibile e di trovarsi a 3 minuti a piedi dalla stazione ferroviaria.
Stanze singole da 12 mq ma dotate di tutto quello che serve oltre il letto, quindi bagno unit con confort di serie, tv, ciabatte, yukata, condizionatore.
Spazio ridotto al minimo ma almeno stanza con finestra (e non è scontato).
Check in ore 15, check out ore 10.
Prezzo pagato 5600 yen, senza colazione.

Commenti