Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2014

Sei Shonagon, Caratteristiche piacevoli delle varie stagioni

Immagine
[...] D'inverno, il primo mattino: bellissimo, inutile dirlo, quando cade la neve. Bello è anche il candore della brina; oppure, oltre a questo, riattizzare il fuoco rapidamente, quando il freddo è più intenso e attraversare le sale portando il carbone. E' anche piacevole verso mezzogiorno, quando l'ambiente si è intiepidito, vedere il fuoco del braciere, non più alimentato, ridursi a bianca cenere.

Se fuori non si può giocare

Se le radiazioni fanno male proviamo a diventare libellula e volare.  "Abita" i suoi sogni di carta e colori è il miglior film di animazione all' Uranium Film Festival di Rio de Janeiro edizione 2013.

                                               Di Shoko Hara e Paul Brenner.

Abita from Shoko Hara on Vimeo.

D'inverno i rami

Immagine
D'inverno i rami si coprono d'oro.   E' iniziato un nuovo anno. Speriamo sia un anno nuovo.

Introduzione al tè verde giapponese

Immagine
Quanti tipi di tè esistono? Ad un primo sguardo tanti.  In realtà anche ad un secondo.


Cominciamo col dire che la bevanda del tè,  si ricava tutta da un'unica pianta - la camellia sinensis
Ciò che distingue il tipo di tè è il metodo di coltivazione, di raccolta e lavorazione e soprattutto una cosa, l'ossidazione delle foglie. Un tè ossidato è nero, non ossidato o parzialmente ossidato è di un altro colore.
Il mondo si divide in chi beve tè nero (a colazione, a merenda, quando sta male) e lo aggiusta con latte, zucchero, miele, spezie e limone e il resto del mondo che beve  tè di altri colori, in genere, verde, e non ci aggiunge niente. 
Per intenderci gli english breakfast, gli assam, i darjeeling,  i ceylon sono tutti tè neri o miscele di tè neri, dal sapore intenso e forte, ottenuti dalle foglie del tè raccolte e lasciate ossidare in vario modo e più o meno completamente.  Tutti gli altri tè sono verdi, blu-verdi, bianchi, gialli, o anche rossi. 

Fatta questa prima distinzione…

Discorso sulla servitù volontaria

Immagine
L'uomo di corte è senza dubbio l'essere più singolare di cui la specie umana disponga.
E anche tra i più diffusi. Lettura sferzante.