Kathmandu, rosticceria nepalese a via Buonarroti



Pranzare seduti e spendere meno di cinque euro a Roma? Difficile ma ancora possibile. 
Una volta andavo volentieri da Roscioli  a via Buonarroti. In genere di sabato e ci andavo per l'ottima pasta e fagioli, che accompagnavo con un bicchiere di vino e da qualche striscia di pizza bianca, di quella fatta come si deve,  calda, morbida ma pure scrocchiarella, e lucida di olio e sale.
Da un po' di tempo però ho tradito lo storico forno perchè nonostante la bontà dei piatti, il servizio veloce e pure attento,  spendere dodici, tredici euro a pranzo per un piatto unico spesso di verdure, due strisce di bianca e un bicchiere di vino mi sembra esagerato.
Ho tradito Roscioli per il civico successivo dove c'è Kathmandu, rosticceria nepalese con tavolini  che propone piatti unici di curry con o senza riso, vegetariani e non, più una serie di altre specialità che pescano dalla tradizione indiana, e rispetto a questa è meno speziata.  I prezzi concorrenziali, la qualità è più che discreta e il cibo è sempre fresco.
Frequentato da una moltitudine piacevolmente multietnica come da copione per piazza Vittorio.
Il mio piatto preferito è il curry vegetariano: riso jasmine bianco con verdure miste, ceci e lenticchie --> 4 euro servito su una tovaglietta con la bandiera e la carta geografica del Nepal.  Abbondante e moderatamente speziato. Sazia e contenta.
Servono anche il kebab.

Kathamandu, rosticceria nepalese
Via Buonarroti 38 - Roma



Raccontami una storia



E' iniziata ieri sera la quinta edizione del Festival Internazionale di Storytelling, Raccontami una storia. Quattro giorni di storie prendono vita dalla voce e dai corpi di cantastorie di tutto il mondo.
Storie di uccelli innamorati, di contadini che disegnano visi di bimbi vicino a una fonte, della noia prima della creazione del mondo, della morte che abita una caverna ma che tutte le sere si siede intorno al fuoco per ascoltare i racconti del villaggio, di cavalli e scintille che ridonano la vista. Storie antiche, moderne, storie di montagne e fiumi, di viaggi, paesi e uomini. Storie per chi vuole ascoltare e condividere. 
Quattro intensi giorni di spettacoli, workshop, musica e convegni sullo storytelling,  tecnica e improvvisazione per imparare a  raccontare in maniera sempre diversa e nuova la vita.
Visto il carattere internazionale dei partecipanti tutti gli spettacoli sono in italiano e inglese. 
Fino a domenica 23 giugno nel Parco Regionale dell'Appia Antica, negli spazi dell'ex Cartiera Latina.
Il fitto programma  sul sito del Festival  e sulla pagina Facebook.  



Solstizio d'estate


E la chiamano estate. Benvenuta estate.

La cena

Più riguardo a La cena



Il cambio di prospettiva e la storia strutturata come le portate della cena nel ristorante di lusso dove due coppie della borghesia olandese si ritrovano per affrontare del futuro della rispettiva prole funzionano, ma non bastano a mantenere le promesse della quarta di copertina. "La cena", vorrebbe scandalizzare ma si scioglie come il dessert di Serge a fine serata. Il maitre con il mignolo rimane il personaggio meglio tratteggiato del libro, che ha l'unico pregio di farsi leggere velocemente.

#Libro in viaggio con il codice BCID: 996-11960656

Hermann Koch
  • Brossura 288 Pages
  • ISBN-10: 8865590017
  • ISBN-13: 9788865590010
  • Editore: BEAT (Biblioteca editori associati di tascabili, 20)
  • Publish date: 2011-01-01