Accabadora, l'ultima madre




Storia sullo sfondo di una Sardegna rurale, profonda, tenace. Storia di donne forti come ginepri centenari piegati dal vento ma mai abbattuti. Ambientata presumibilmente nel dopoguerra racconta di due donne e del loro rapporto in una Sardegna antica, ancestrale.
Vita e opere dell'imponente figura di Tzia Bonaria, incarnazione stessa dell'isola, dura e benevola allo stesso tempo, una dea Kali nostrana dispensatrice di vita e morte e di Maria quarta e ultima figlia data via come figlia d'anima alla sarta del paese, figura temuta e rispettata da tutti, l'accabadora.
Libro asciutto e che arriva diretto. Denso di atmosfere e caratteri deleddiani. Bello.

ACCABADORA
Michela Murgia
Einaudi Editori
2009

Nessun commento: