Viaggio in Cambogia, prologo


Sono stata una settimana in Cambogia. Questo il resoconto di un viaggio, che è stato organizzato in pochissimo. Mi sono affidata alla rete e al buon senso. La Cambogia, anche se è uno dei paesi più poveri del mondo, devastato da decenni di guerre e instabilità politica, è una meta bellissima e piuttosto facile anche per chi ama i viaggi in totale indipendenza.
E' un paese del sud est asiatico, la sua posizione geografica è stretta tra Thailandia, Laos e Vietnam. Il paese ha un passato remoto glorioso come testimonia il sito di Angkor Vat, e un passato recente turbolento e tragico, prima colonia francese, poi coinvolta in scenari di guerra internazionali di cui ha pagato la posizione vicinissima al Vietnam ed infine vittima della pazzia rivoluzionaria dei khmer rossi, che ha causato due milioni di vittime, e una memoria storica completamente da ricostruire.
Visitare la Cambogia ora, non pone nessun tipo di problema. E' difficile credere che in un paese così bello, si possa essere scatenata la furia distruttrice di un manipolo di uomini che hanno trasformato questo paese popolato da personi mite e sorridenti, buddista al 90% in un inferno dal 1975 al 1979. Eppure così è stato. La Cambogia non ha ancora fatto i conti con il suo passato. Difficile fare i conti in un paese che ancora oggi dipende enormemente dagli aiuti internazionali, dove la speranza di vita è tra le più basse al mondo, dove la maggioranza della popolazione vive in zone rurali con un stipendio medio di 40 dollari al mese, dove la maggioranza della popolazione non ha acqua diretta ne' luce, dove la mortalità infantile è del 71 per mille, mentre in Italia è del 5 per mille, dove la fame e la povertà alimentano la prostituzione infantile, dove ancora oggi centinaia di persone muoiono o rimangono mutilate dalle mine antiuomo sparse in tutto il paese. Difficile fare i conti con il passato quando il presente è ancora così cupo e difficile.





Le foto di questo viaggio su
: www.flickr.com/photos/apestrana/sets/72157604934732911/

Nessun commento: