Riso basmati con verza

Mi piace il riso. Tutto, in qualunque modo. Tranne che nei supplì. Sarà, ma a Roma è praticamente impossibile ormai trovare un "supplì al telefono" come si deve. Nella maggiorparte dei casi sono immangiabili, 'na vera schifezza. I fritti, come i cornetti al bar sono diventati tutti uguali, già preparati e surgelati.
Digressione sul supplì a parte, (lo stesso discorso si potrebbe fare per i filetti di baccalò o fiori di zucca, ahimè) ieri mi è venuta voglia di un piatto di riso.
Mi piace cucinare, a tempo però, nel senso che non amo passare molte ore ai fornelli, ma visto che amo mangiare, mi diletto e intruglio con quello che c'è nel frigo. Preferisco i primi piatti, che faccio diventare dei piatti unici. La cosa importante per me è mangiare nel tempo che l'acqua bolle e la pasta o il riso cuoce, niente preparazioni lunghe, piatti pronti in massimo 20 minuti.
Questo è uno di quelli. Riso basmati con verza:
Ho soffritto in un po' di extravergine scalogno e pancetta. Ho aggiunto verza cruda tagliata a listarelle e lavata. Dopo qualche minuto ho salato e pepato e quando la verza è cominciata ad
appassire ho sfumato con un po' di birra (o vino bianco) e ho lasciato cuocere qualche minuto (non molto, perchè le verdure mi piace rimangano un po' crude). Nel frattempo ho cotto in acqua salata 200 gr di riso basmati, appena 10 minuti, e a fuoco spento ho lasciato che i chicchi si gonfiassero. A questo punto ho scolato e aggiunto il riso nella padella della verza, ho ben amalgamato con una noce di burro e ho spadellato.
Risultato, da leccarsi le dita, ma se ci mettevo meno sale era meglio.....

Attenzione linkate qui per sapere come sono e come si preparano i veri supplì al telefono romani.


Nessun commento: